La griglia usa e getta

Sono veneta, di Martellago, poco più di 20.000 anime in provincia di Venezia. Il veneto, soprattutto le province di Venezia, Padova e Treviso, è terra di grigliatori professionisti. Così almeno pensavo. Poi durante l’Università a Trieste ho conosciuto, oltre confine, altri popoli espertissimi in quest’arte prelibata: sloveni e croati. Alzi la mano a chi non piace il panino con i Civa (ćevapčići)?!!

Qualche anno dopo a San Francisco, durante la parentesi americana, ho imparato a conoscere le pork ribs cosparse di BBQ sauce.

Ma è qui ad Amburgo che ho visto trasformare la griglia da comune tecnica di cottura, a vero e proprio sport nazionale. Qui si griglia di tutto e si griglia dappertutto!

Il cibo alla griglia generalmente piace un po’ a tutti. Personalmente ne associo il profumo all’estate, alle vacanze e alla buona compagna. Quando ripenso alla griglia italian style vedo mio papà che, sin dal mattino, prepara una delle tre griglie professionali in suo possesso. Vedo la Franca, mia mamma, che spacchetta involti pieni di salsicce, braciole e costicine – riformulo – costesine ordinate dal macellaio di fiducia. Mi sembra di vederla, curva sopra il tavolo della cucina, mentre affetta veloce peperoni, melanzane e zucchine per accontentare anche i gusti dei non carnivori, tollerati a tavola perché di famiglia, ma sempre un po’ compatiti e considerati in ugual misura un po’ malati e un po’ sfortunati.

Non che qui, nel profondo Nord, il grigliatore iper-professionista non esista, ricordo ancora una grigliata epica a base di carne e pesce preparata da alcuni colleghi di Daniele qualche mese dopo il nostro arrivo in Germania. La vera peculiarità amburghese però è la griglia veloce e improvvisata.
Complice il primo sole primaverile sono reperibili un po’ dappertutto nei supermercati, ma anche presso alcuni distributori di benzina, delle piccole griglie usa e getta. Si chiamano Einweggrill. Come funzionano? Facilissimo. Grillen – essen – wegschmeißen*.

_IMG_4823

Stadtpark, Hamburg, Maggio 2016

Lo so, i barbeque usa e getta esistono anche in Italia – ho controllato – ma ci fosse una volta che ne avessi visto usare uno! Ad Amburgo con 2 fino a 10 Euro (al massimo) si improvvisano grigliatine ovunque: su balconi di pochi metri quadri o minuscoli fazzoletti di prato in centro, lungo l’Elba oppure parco giochi. Ovunque. Una volta ho visto dei ragazzi parcheggiare la macchina e grigliarsi un due Würstchen, lì, proprio davanti alla macchina. Avevano pure trovato un parcheggio carino, lungo l’Alster e con un po’ d’erba intorno. Alle mie bambine sarebbe piaciuto da matti!

Personalmente non ho mai provato la Einweggrill, dunque non posso esprimere un giudizio di prima mano. Ho sentito pareri differenti e contrastanti.
Lo svantaggio maggiore è quello per l’ambiente: si tratta di articoli usa e getta in alluminio; inoltre i modelli più semplici sono sprovvisti anche dei sostegni per proteggere il terreno dal calore prodotto durante la cottura. Il vantaggio è la reperibilità dell’articolo e la relativa velocità di (spre-)preparazione. A fine giornata il più antico degli sms: ‘Arrivo. Butta la pasta’, si può sostituire con: ‘Tira fuori i Wurst. Ho comprato la griglia. P.S. Ci vediamo sotto casa’.

Vado. Mi è venuta fame.

 

* Grigliare – mangiare – buttare via

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...